Enza Ansalone

OBESITA’ / tra 15 anni sarà epidemia

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Obesità allarme

Obesità allarme

A ridosso del periodo estivo in cui tutti corrono a ripari per tornare il prima possibile al sospirato peso forma, l’Oms torna a lanciare l’allarme obesità con delle previsioni a dir poco preoccupati riguardanti un vera e propria epidemia che riguarderà tutto il pianeta tra soli 15 anni. Nel 2030 una donna su due e sette uomini su dieci potrebbero essere in sovrappeso e un uomo su cinque sarà obeso.

Le preoccupanti osservazioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità sono state presentate a Praga nel corso del congresso eurupeo sull’obesità.

Secondo queste stime, nel 2030 in Italia avremo il 70% degli uomini in sovrappeso e la percentuale di donne passerà invece dal 39% del 2010 al 50% del 2030. Per quanto riguarda l‘obesità, considerata la malattia del futuro, le donne passeranno dal 10 al 15%, mentre gli uomini dal 12 al 20%. I maschi sovrappeso aumenteranno dal 58% del 2010 al 70% nel 2030.

C’è da dire che il Belpaese non è messo nemmeno troppo male rispetto agli altri colleghi europei. Il primato negativo spetta all’Irlanda con una previsione dell’89% di uomini sovrappeso nel 2030, di cui quasi metà obesi, al Belgio con le donne più sovrappeso che saranno l’89%, e le più obese le britanniche con il 26%.

La situazione non va sottovalutata perchè l’obesità determinata dallo stesso gene che codifica la saliva, incide sulle capacità cognitive impedendo a chi ne è affetto di svolgere le normali attività quotidiane, alla stregua di una vero e proprio handicap.

Subito dopo Irlanda e Gran Bretagna, la classifica dei paesi più a rischio vede Grecia, Spagna, Austria e Repubblica Ceca, e stranamente Svezia, che di solito ha una bassa prevalenza di obesità. In Svezia invece le previsioni dicono che si arriverà al 26% di obesi, una crescita notevole se si considera l’attuale 14%; le donne passeranno dal 12% al 22%. Migliorative le proiezioni per l’Olanda, dove i sovrappeso scenderanno al 49%.

Le statistiche presentate dall’OMS si basano su analisi dei dati esistenti per 57 paesi nel 2010. Si definisce sovrappeso chi ha un indice di massa corporea (BMI) compreso tra 25 e 29.9, mentre si parla di obesità quando c’è un indice BMI di 30 o superiore.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *