Gabriella Cavaliere

TEIXOBACTINA / il super antibiotico in grado di sconfiggire i nuovi batteri

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
teixobactina

teixobactina

I super batteri hanno i giorni contati, un nuovo super antibiotico è oggetto di studio e sarebbe in grado di proteggerci per i prossimi 30 anni.

Sembrerebbe che per i batteri non ci sia più via di scampo grazie all’ideazione di un nuovo super antibiotico in grado di sconfiggere anche i batteri più resistenti. Il nuovo farmaco è stato realizzato da un gruppo di studiosi della Northeastern University di Boston, e si basa su di una molecola denominata teixobactina.

L’articolo dedicato dalla rivista Nature a questo nuovo antibiotico sostiene che il farmaco sarà in grado di sconfiggere i batteri per i prossimi 30 anni, tempo necessario ai ceppi batteri di sviluppare un ulteriore forma di resistenza.
Gli studiosi della Northeastern University di Boston coordinati dal Dottor Kim Lewis hanno effettuato sperimentazioni su circa 10mila composti antimicrobici e hanno individuato nella teixobactina la capacità di rendere innocui tre dei batteri più aggressivi e resistenti esistenti si tratta del Clostridium difficile, il Mycobacterium tuberculous e lo Staphylococcus aureus.

La teixobactina, riesce a debellare i cosidetti “superbatteri” in quanto è in grado  di distruggere le cellule del loro involucro. La peculiarità di questo nuovo farmaco è dovuta al fatto che riesce ad ottenere i suoi effetti legandosi a bersagli multipli, molecole di lipidi e non proteine, come gli altri antibiotici, rallentando così lo sviluppo di eventuali resistenze.

La minaccia dei superbatteri risulta essere reale e concreta l’ Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha rilevato come nel 2014, questi ceppi resistenti  hanno causato in totale almeno 25mila morti solo in Europa e una spesa sanitaria di circa 1,5 miliardi di euro. In un simile contesto l’ ideazione di un super antibiotico efficace risulta essere particolarmente importante nell’ottica di voler preservare la salute mondiale.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *