Gabriella Cavaliere

SELFIE / semplice mania o psicopatia?

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Selfie

Selfie

Quale è il confine tra una buona autostima e il narcisismo patologico? A rispondere a questa domanda è uno studio sulla mania dei selfie, che attraverso dei questionari è arrivata a delle conclusioni interessanti.

E’ la moda del momento quella dei selfie che coinvolge tutti, grandi e piccoli uomini e donne. Ma data la frequenza con cui si ci spara i selfie e li si pubblica sui social network, viene normale chiedersi se questa sia solo una moda o nasconda una vera e propria psicopatologia. Uno studio condotto presso  la Ohio State University e pubblicato sulla rivista Personality and Individual Differences  ha cercato di verificare quanto la mania dei selfie possa essere correlata a dei disturbi di personalità.

La ricerca condotta su di un campione composto da 800 uomini di età compresa fra i 18 e i 40 anni ha visto la somministrazione di due questionari. Il primo questionario andava ad indagare sul rapporto che si aveva con la pratica del selfie ossia con che frequenza si ci dedicava a tale pratica, l’uso eventuale di programmi correttivi, il numero dei post e l’aspettativa nelle risposte degli amici. Il secondo questionario invece era volto a rilevare e a quantificare la presenza di comportamenti antisociali e narcisistici.

Dall’incrocio e la comparazione dei risultati ottenuti dai due questionari è emerso come i soggetti con la tendenza a postare e a modificare molti selfie mostrino non solo tratti narcisistici e auto-oggettivazione ma anche nascondere atteggiamenti di natura psicopatica.

Uno degli autori dello studio il Dottor Jesse Fox, docente di comunicazione ha definito il tratto narcisistico come la:

“convinzione di essere più intelligente, più attraente e più in gamba degli altri….un’ atteggiamento di facciata che nasconde un’insicurezza di fondo

Il narcisismo può essere un sintomo di psicopatia nella misura in cui è connesso ad uno stato di carenza empatica e a fronte di comportamenti impulsivi.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *