Gabriella Cavaliere

Fabi, Silvestri e Gazzé / un trio vincente e inaspettato

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Fabi, Silvestri e Gazzé

Fabi, Silvestri e Gazzé

Nicolò Fabi, Max Gazzè e Daniele Silvestri un trio vincente e inaspettato che sta letteralmente sfondandi con il suo tour in Italia partito il 14 novembre.

Clamoroso il live di ieri sera tenutosi a Roma al PalaLottomatica dove i tre artisti sono riusciti a raccontarsi attraverso  una scaletta di 34 pezzi di grande successo, coinvolgendo il pubblico in una relazione intima e epatica senza precedenti.

Si apre il concerto su di un piccolo palco dove i  tre, uno accanto all’altro interpretano il brano Alzo le mani, pezzo che apre anche il loro album seguito poi da Una buona idea di Niccolò Fabi, Il timido ubriaco di Max Gazzè e A bocca chiusa di Daniele Silvestri.

A questo punto un grande effetto scenico: il palco si apre e appare nella sua interezza, sullo sfondo un panno bianco fà intravedere i muicicisti, l’ atmosfera intima improvvisamente cambia e  lascia il posto a un grande live. Il ritmo e le sonorità aumentano e il trio si esibisce quasi come se fosse una sola entità giocando e spalleggiandosi a vicenda. Ad  accompagnare i tre, i loro amici di sempre i musicisti Roberto Angelini, Dedo, Gianluca Misiti, Piero Monterisi, José Ramon Caraballo Armas e Adriano Viterbini.

Grande clamore del pubblico a fronte di alcuni brani storici quali Il solito sesso di Max Gazzè ed È non è di Niccolò Fabi Vento d’estate  e Il mio nemico. Durante il concerto non può mancare poi un ritorno al passato con con un medley a tre che con  Capelli,Y10, e l’amore pensato esalta un pubblico di ben 10 mila persone.

Per concludere in bellezza la serata il pezzo che chiude anche l’album di grande successo “A sei mani” di Fabi, Silvestri e Gazzé: “Il padrone della festa”.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *