Gabriella Cavaliere

Paralasi / una speranza con il trapianto di cellule olfattive

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Paralizzato

Paralizzato

Un uomo paralizzato dalla vita in giù a causa di un’interruzione del midollo spinale torna nuovamente a camminare dopo un trapianto di cellule. L’intervento unico nel suo genere, anche per i risultati conseguiti, ha visto l’utilizzo delle cellule del sistema olfattivo che sono state trapiantate nella colonna dell’uomo al fine di riparare la lesione a carico del midollo spinale.

Geoffrey Raisman, coordinatore del team che ha messo a punto l’intervento sostiene:

“Crediamo che questa procedura rappresenti la svolta e che, dopo un ulteriore sviluppo, si tradurra’ in un cambiamento storico delle prospettive delle persone disabili per lesioni del midollo spinale attualmente senza speranza”.

Questa nuova tecnica, pubblicata sulla rivista ‘Cell Transplantation,  per la prima volta eseguita con successo sull’uomo è stata resa possibile grazie ai programmi di ricerca finanziati dalla Nicholls Spinal Injury Foundation e dalla UK Stem Cell Foundation.

Nello specifico l’intervento consiste nel trapianto delle cellule ensheathing olfattive (OECs) nel midollo spinale attraverso 100 micro punture nel punto di lesione. Precedentemente del tessuto nervoso prelevato dalla caviglia del paziente e’ stato impiantato nel midollo spinale in modo da fungere da sostegno ai i neuroni spinali. Questo ha dato la possibilità alle fibre nervose lesionate di crescere e di legarsi tra loro in modo funzionale.

I primi risultati sono stati riscontrati dopo 90 giorni dall’intervento con un parziale recupero della muscolatura della gamba del paziente che iniziava a presentare sensibilità ad alcuni stimoli quali il caldo il freddo e la puntura di un ago. Solo dopo un anno di fisioterapia il paziente è riuscito a muovere i primi passi supportato da barre parallele e da uno speciale dispositivo di sostegno alle caviglie.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *