Laura Celentano

Disoccupazione / alle stelle ad ottobre ecco perchè

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Disoccupazione da record

Disoccupazione da record

Ad ottobre incremento di disoccupazione da record con ulteriore aumento rispetto al mese scorso per il tasso di disoccupazione che raggiunge la misura del 13,2%. Il numero di disoccupati italiani è pari a 3 milioni 410 mila: 90 mila persone in più senza un lavoro in un mese. Dati decisamente negativi quelli diffusi oggi dall’ Istat: una vera e propria raffica di segni meno!  La situazione del mercato del lavoro non solo non migliora ma continua addirittura a  peggiorare, anche rispetto al 2013 (+1 punto) . Record storico rispetto al 1977.

Situazione critica anche per gli under 25  per i quali la disoccupazione raggiunge quota 708 mila. Il relativo tasso di disoccupazione (quota dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca di lavoro) è pari al 43,3% (+0,6 punti rispetto al mese precedente;  +1,9 punti rispetto a un anno fa).

Una nota positiva arriva, invece, per gli occupati nel terzo trimestre del 2014 che crescono in un anno di 122mila unità (+0,5% nel trimestre).

E  mentre l’Istat ha diffuso questi dati negativi, Il Ministero del Lavoro  ha fatto sapere che i nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel terzo trimestre sono stati circa 400.000 (+7,1% rispetto all’ anno scorso). Tutto ciò a dimostrazione che il decreto Poletti, convertito nella legge 78/2014, ha prodotto l’esito auspicato. Anche il premier Renzi interviene da Catania “Ci sono più di 100 mila posti di lavoro in più, più lavoratori di poco rispetto ad un anno fa e i nuovi avviamenti a tempo indeterminato negli ultimi sei mesi stanno crescendo” e argomenta l’aumento statistico dei disoccupati col fatto che stanno aumentando le iscrizioni nelle liste di disoccupazione. Segnale di “risveglio” per la popolazione che è attiva ed in cerca di occupazione. Sono, infine, in corso numerose crisi aziendali a cui il Governo sta tentando di dare rimedio.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *