Giuseppe Briganti

Tasse, spunta quella sui telefonini. Cosa cambia per i consumatori

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tutto si può dire sul fisco italiano, tranne che non sia creativo. I vari governi che si sono susseguiti in questi anni di austerity hanno dato prova di una fantasia fuori dal comune. Il tutto con uno scopo: aumentare il carico sui cittadini e rimpinguare le casse dello Stato.

L’ultima in ordine di tempo è la tassa sui telefonini. Per ora, sia chiaro, si tratta di un’ipotesi, comunque ampiamente caldeggiata dalla maggioranza. In che cosa consiste? Per comprendere meglio la questione, forse è meglio partire dalla fine, ossia dal risultato: se la cosa andasse in porto, i cellulari costerebbe come minimo qualche euro in più.

Un aumento dopotutto sopportabile, ma a destare perplessità è l’insieme di giustificazioni (e motivazioni) con il quale il provvedimento è stato presentato. In estrema sintesi, secondo il Governo la nuova tassa è un atto dovuto nei confronti degli autori. Dal momento che i lavori di questi ultimini vengono continuamente riprodotti su dispositivi come, appunto, i telefonini, si è pensato ad una “gabella” i cui proventi andranno proprio agli autori. Una sorta di compenso.

La questione impatta non solo sui cellulari, ma su tutti i dispositivi in grado di ospitare in remoto file musicali, testuali e video. Dunque chiavette, hard disk, hard disk portatili e così via.

A onore del vero, la tassa già esiste, dunque si parla di un semplice aumento. Se oggi i produttori di device pagano 3 euro, con l’entrata in vigore del provvedimento ne pagheranno il triplo. Inutile dire che, alla fine dei giochi, l’aumento impatterà sul prezzo al dettaglio, quindi sui consumatori.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *