Enza Ansalone

Cina e Grecia, l’Euribor le “ignora” e continua a scendere

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

aiuti_GreciaScongiurato, almeno per il momento, il pericolo di una crisi greca con effetti di contagio anche per i nostri mercati, compresi quelli dei mutui, un’altra minaccia finanziaria spunta all’orizzonte, e secondo gli analisti potrebbe essere ancora peggiore. La bolla speculativa cinese comincia a mostrare infatti preoccupanti segni di incrinature, e il suo effetto potrebbe essere devastante.
A giudicare dall’Euribor, però, il panorama non è poi così fosco. L’indice sta infatti continuando a scendere, anche malgrado le stime diffuse dalla Banca Centrale Europea all’inizio del mese scorso sull’inflazione europea per i prossimi due anni.
Tutto questo si traduce in buone notizie per chi in Italia ha scelto un mutuo a tasso variabile (a proposito, per trovare le offerte migliori basta visitare il comparatore di SosTariffe.it), ed è ormai dal 19 gennaio che l’Euribor si mantiene sotto lo 0. Attualmente siamo a -0,071% per l’indice a 1 mese a -0,018% per quello trimestrale, un minimo storico.
Secondo i calcoli effettuati dal Sole 24 Ore, un Euribor negativo – che quindi viene di fatto sottratto allo spread nel calcolo del tasso nominale della rata – può cominciare a far sentire i suoi effetti sulle rate degli italiani. Un mutuo da 150mila euro a 25 anni con il tasso del 3% agganciato all’indice mensile può vedere le sue rate diminuire di circa 7 euro al mese, 84 euro l’anno, mentre chi ce l’ha agganciato a quello trimestrale pagherà comunque 2 euro di meno. Si parla soprattutto di chi ha stipulato un mutuo prima del febbraio 2015: infatti, dopo questa data, molti istituti di credito hanno reagito alla situazione mettendo una clausola nei nuovi contratti in caso di eccessiva discesa dell’Euribor, anche se è molto discutibile sull’effettiva correttezza di questi provvedimenti.
Il Sole 24 Ore conclude comunque che sarà difficile una discesa continua a questi livelli dell’Euribor, e anzi quello a 3 mesi dovrebbe tornare positivo a settembre di quest’anno, se effettivamente la ripresa di economia e di inflazione che è stata preventivata verrà confermata in questi termini. Insomma, nella migliore delle ipotesi saranno notizie un po’ meno buone per chi ha un mutuo, ma ampiamente compensate dalla crescita del PIL.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *