Laura Celentano

Sciopero 12 dicembre / Precetto per i ferrovieri ed ira della Camusso

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Sciopero 12 dicembre

Sciopero 12 dicembre

Precettati i ferrovieri per lo sciopero del 12 dicembre; forte ira della Camusso. Il provvedimento è stato deciso nella giornata di ieri dal Ministro Lupi e reso noto alla vigilia dello sciopero  generale indetto da Cgil e Uil contro la politica economica messa in atto dal Governo.

Susanna Camusso ha espresso la propria indignazione, condannando duramente questa decisione che è di una gravità assurda perché non c’è mai stata una precettazione a seguito dell’indizione di uno sciopero confederale. Non ci sono le ragione per invocarla a suo parere. Si contravvengono le leggi e le procedure previste in materia, quindi tutto ciò non è altro che sintomo di avversione del Governo nei confronti dei lavoratori e del loro diritto ad organizzarsi per manifestare e protestare.

La leader Cgil attacca Renzi. Secondo lei il Premier ha acceso una grande speranza ma deve tradurla in realtà. Con il Jobs Act si incentivano le sostituzioni dei lavoratori e a trarne vantaggio sono solo le imprese, che licenziano.

Più di 50 saranno le piazze che vedranno i lavoratori manifestare domani nella speranza di poter riaprire il confronto con il Governo a proposito della Legge di Stabilità e della normativa sul lavoro. La Camusso guiderà il corteo nella città di Torino, mentre il Segretario della UilCarmelo Barbagallo – presenzierà a Roma. Lo slogan scelto per l’occasione è “Così non va!”. A tenere vivo lo spirito dell’evento è la fermentazione che sta interessando  i social, scelti dalla Cgil per raccogliere nuove proposte  con l’hashtag #12 dic e #cosìnonva.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *