Laura Celentano

Putin / stop al gasdotto South Stream

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Putin

Putin

Cartellino rosso del Presidente russo, Vladimir Putin,  al progetto di costruzione del gasdotto South Stream che avrebbe interessato l’Europa meridionale. A quanto pare la Russia, sul fronte energetico, trova più interessante il consolidamento dei rapporti con la Turchia. L’annuncio lascia l’Europa a bocca aperta e scatena anche pessime conseguenze in Borsa: il Titolo Saipem segna un -8%.

Cala il gelo sull’Unione Europea; la Russia si propone di espandere le esportazioni di gas verso i mercati europei bypassando l’Ucraina e puntando a dimostrare che Mosca è in grado di trovare nuovi partner, nonostante l’isolamento messo in atto dall’ Occidente.

Dal canto suo, il Presidente turcoRecep Tayyip Erdogan – apprezza i buoni propositi di Putin, ma asserisce che si prospetta una dura trattativa.  A ben riflettere i due Paesi (Russia e Turchia) non hanno in comune molto (a cominciare dalla questione Siria). Tuttavia con questa mossa Putin intende avviare un’alleanza energetica con la Turchia, il che porterebbe inevitabili conseguenze per Europa e Usa, che avevano messo in atto esportazioni attraverso la Turchia proprio per ridurre la dipendenza dalla Russia. Inoltre il Presidente russo ha aggiunto che, a partire dal prossimo anno,  praticherà uno sconto del 6 per cento sulle forniture di gas alla Turchia”. In aggiunta a tale “facilitazione” sono stati promessi ulteriori affari nel caso in cui si raggiunga una cooperazione energetica ancora più profonda. Bisogna, infine, sottolineare che la Turchia è un grande importatore di gas proprio dalla Russia (seguendo solo alla Germania).

20 miliardi di dollari l’investimento programmato dalla Russia per la costruzione della prima centrale nucleare turca.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *