Laura Celentano

Christian Bale è Mosè in “Exodus- Dei e Re”, nelle sale dal 15 gennaio

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Christian Bale Exodus

Christian Bale Exodus

Cresce l’attesa per il debutto di Christian Bale nelle vesti di Mosè nella nuova pellicola di Ridley Scott intitolata “Exodus – Dei e Re”, in uscita nelle nostre sale il 15 gennaio. Accanto a lui, in una scena, vedremo anche sua figlia Emmeline.

Nel film, che è stato censurato in Marocco ed Egitto, l’ex Batman si trova a vestire ora i panni della figura biblica (l’attore, tra l’altro, non è credente). Bale è stato criticato in America per aver detto, nella conferenza stampa di presentazione, che secondo lui Mosé è la persona più barbara e schizofrenica di cui abbia letto. Perplessità sono state mosse proprio riguardo la ricostruzione della figura di Mosé.
L’attore – 40 anni – ha spiegato che per accingersi in questa nuova esperienza ha dovuto studiare! Prima di mettersi all’ opera si è dedicato alle ricerche e alla lettura della Torah, del Corano e della vita di Mosè di Jonathan Kirsch. Non ha mancato, inoltre, di vedere alcuni dvd a tema! Per trarre ispirazione e calarsi meglio nella figura ha visto, per primo, Brian di Nazareth dei Monty Python e La pazza storia del mondo di Mel Brooks.
Numerose le critiche mosse riguardo al film, soprattutto per la scena centrale – quella dell’ apertura delle acque del Mar Rosso – che viene causata da un terremoto (e non dall’ intervento divino).
A tal proposito Bale ha risposto che egli stesso non ci ha mai creduto, fin da quando era piccolo e, guardando i Dieci Comandamenti, si aspettava una spiegazione scientifica o naturale.
In diverse parti del mondo la pellicola è in proiezione in questo mese. A noi toccherà aspettare ancora un po’ per vedere quanto c’è di biblico in questo film e quanto rivoluzionaria – o fedele – sia la ricostruzione della storia di Mosè.

Facebook Comments

One Response to Christian Bale è Mosè in “Exodus- Dei e Re”, nelle sale dal 15 gennaio

  1. Sazzy gennaio 2, 2015 at 5:00 am

    Trovo sempre molto interessante quando un attore interpreta un ruolo in un film religioso, quando non è un credente. Io per primo non vedo l’ora di vedere le prestazioni.

    è stato turbato, ma spero che questo film non è stato colpito!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *