Laura Celentano

Festival di Torino 2014 / Nick Cave presenta la sua biografia

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Festival di Torino 2014

Festival di Torino 2014

Anteprima nazionale al Festival di Torino il 27 novembre per “20.000 giorni sulla terra”, docu-film biografia di Nick Cave, cantautore e compositore australiano.

Emozionante e curioso documentario diretto da Iain Forsyth & Jane Pollard, il film – a metà strada tra fiction e documentario – trae ispirazione da un’annotazione che proprio Cave aveva fatto sul suo taccuino di lavoro: 20.000 giorni il tempo della sua esistenza vissuto e da lui stesso calcolato. Si tratta di un potente lavoro innovativo che ci fa ripercorrere il processo artistico della rockstar e la sua creatività. Il titolo è puramente formale: il film finge di essere la rappresentazione di un giorno della vita dell’artista senza cercare troppo di convincere lo spettatore che esso lo sia per davvero. Inoltre si rappresenta leggermente anche la crescente distanza tra l’artista e i mondi diabolici che egli ha creato nelle sue canzoni. Ma perché questo film non rappresenta una biografia tradizionale? La risposta è che Forsyth e Pollard affiancano scene descrittive della vita e dell’opera di Nick al filtro umano che è Cave stesso (nel film scrittore) che crea e controlla quel ritratto. Insomma libero dalle convenzioni, in una forma riflessiva artistica. Un progetto realistico in cui le immagini sono accuratamente illuminate e montate, come accade per le rappresentazioni teatrali: un one-man show  attentamente controllato.  Il set del documentario è stato Brighton; le scene sono state girate nella casa di Cave, nella sua auto e nel suo studio londinese.

Il film ha già ottenuto due importanti riconoscimenti al Sundance Film Festival, e, dopo l’anteprima, approderà al cinema, in Italia, il 2 e 3 dicembre. Tra gli altri attori, ricordiamo la presenza nel cast della simpatica Kylie Minogue ed di altri amici di Cave, i musicisti Ray Winstone, Warren Ellis e Blixa Bargeld.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *