Laura Celentano

Elisa / A modo tuo, il video con Emma Cecile già a 200 mila visualizzazioni

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
A modo tuo

Elisa e la figlia Emma in A modo tuo

Elisa Toffoli, in arte Elisa,  ha lanciato il 10 novembre il video di “A modo tuo”, nuovo singolo in cui debutta la figlia primogenita, Emma Cecile. Il video del brano scritto dal collega Luciano Ligabue ha già raggiunto 177 mila visualizzazioni.

Tre le scene che si alternano: Emma (che debutta a 5 anni) e la madre che si scambiano tenerezze; Elisa ed il compagno (il chitarrista Andrea Rigonat) che suonano insieme; la bimba che cammina lungo la riva di un corso d’acqua. Alla fine Emma ed Elisa s’incontrano per rimanere su una panchina a contemplare la natura.

La regia ed il montaggio della clip sono stati curati da Sara Tirelli, mentre il testo e la musica sono stati scritti da un altro grande della musica italiana: Luciano Ligabue.

Il singolo è estratto dal nuovo albumL’anima vola”. Immagini soavi ed emotive, che descrivono un rapporto madre-figlia, con le quali Ligabue ha inteso dedicare un brano a sua figlia Linda. Il cantante-scrittore ha  voluto che questa canzone fosse interpretata da una mamma, e  la sua scelta è caduta proprio su di Elisa. Un brano toccante che rappresenta la difficoltà di essere genitori , crescendo i figli al riparo di problemi e preoccupazioni, pur sapendo che un giorno saranno indipendenti e si dovranno lasciar andare.

Significative le parole, che si ripetono più volte nel brano, per poi concluderlo:  “A modo tuo andrai, a modo tuo camminerai, ti rialzerai sempre a modo tuo”.

La stessa Elisa ha spiegato come le sia risultato difficile portare a termine la registrazione senza commozione: definendo il singolo “incantabile” proprio per le emozioni e i singhiozzi che le ha suscitato, costringendola (parecchie volte) ad interrompere e poi riprendere il lavoro.

Se vuoi conoscere le maggiori info sulla cantante puoi leggere il nostro articolo Elisa due apputamenti a novembre

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *