Gabriella Cavaliere

Diabete infantile / sotto controllo con “smartwatch”

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Diabete bambini

Diabete bambini

Diabete infantile – Il 14 novembre 2014 in occasione della Giornata Mondiale del Diabete sarà presentato uno speciale orologio finalizzato al controllo dei livelli di glicemia dei bambini affetti da diabete di tipo 1.

Il kit denominato iMove, prodotto e distribuito in Italia da Movi, risulta essere un importante innovazione in quanto è uno strumento non invasivo che permetterà ai genitori di verificare la presenza di variazioni glicemiche a distanza dai loro bambini e eventualmente intervenire in modo da evitare l’insorgenza di problematiche più serie.

Ma come funziona questo dispositivo? Paradossalmente in un modo molto semplice, iMove non è altro che è un kit “Plug&Play” preconfigurato che rileva la glicemia ogni cinque minuti e che attraverso il “Clou” invia i dati rilevati su un sito privato dove potranno essere acquisiti dai genitori, dal medico del bambino e da eventuali  adulti referenti. Niente di più comodo quindi, quando il bambino è fuori casa, attraverso un qualsiasi dispositivo tecnologico collegato ad internet si potrà costantemente tenere sott’occhio i livelli di glicemia.

Il dispositivo difatti nell’arco di una giornata effettuerà ben 288 misurazioni e se rileva che i parametri risultano essere al di sotto della soglia di sicurezza, i genitori ricevono sullo schermo dello smartwatch un avviso con una vibrazione.

Ivana Rabbone, diabetologa pediatra dell’Ospedale sostiene:

“L’ipoglicemia è la complicanza più insidiosa e temibile nei bambini con diabete di tipo 1. Per questo stretti controlli della glicemia più volte al giorno sono indispensabili. Spesso, infatti, il brusco calo di zuccheri nel sangue non si manifesta immediatamente e in modo esplicito. Nei casi più gravi si può arrivare fino alla perdita di coscienza e al coma. Eppure, nella maggioranza dei casi, basterebbe intervenire con un succo di frutta o un paio di caramelle per evitare queste conseguenze”.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *