Gabriella Cavaliere

Bologna / epidurale gratis per le mamme in attesa

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Gestante

Gestante

Bologna apre le porte alla concessione gratuita dell’epidurale. Finalmente per le mamme bolognesi sarà possibile partorire senza dolore senza dover pagare.

Il parto analgesico, ossia privo di dolore grazie all’epidurale e gratuito per le donne di Bologna. La metodica dell’epidurale che fin’ora era accessibile solo alle partorienti al di sotto dei 26 anni e al di sopra dei 38 anni o in particolari situazioni in cui si presentavano specifiche patologie, dal 22 ottobre è garantita a tutte le donne dagli ospedali pubblici di Sant’Orsola, Maggiore e in quello di Bentivoglio.

Per accedere a questo servizio, che prima prevedeva un intervento nel settore privato con versamento della “modica” cifra di mille euro, le future mamme devono andare entro entro la 30 esima settimana di gestazione, ad uno degli incontri mensili che si terranno nelle tre strutture che hanno aderito all’iniziativa fornendo le informazioni richieste, dovranno inoltre effettuare una prenotazione, possibile anche online sul sito ufficiale dell’Ausl di Bologna, per la visita anestesiologica e i relativi esami richiesti, quali emocromo, test coagulativi e elettrocardiogramma. Gli incontri organizzati dagli ospedali inoltre daranno la possibilità alle future partorienti di acquisire conoscenze sulle diverse tipologie di parto in modo da poter favorire  una scelta più consapevole.

La notizia del parto analgesico pubblico e gratuito, diffusa con un  comunicato ufficiale dell’azienda Usl di Bologna se per certi versi ha rallegrato molte donne, dall’altro ha messo in risalto ancora una volta una grande falda del Sistema Sanitario Nazionale. Un sistema Sanitario “Nazionale” solo sulla carta non in grado di offrire a tutti i cittadini italiani prestazioni mediche in ugual misura, con l’accesso gratuito all’epidurale per le donne a Bologna si è evidenziato come molte prestazioni offerte siano altamente diversificate non solo tra regione e regione ma anche all’interno della stessa regione.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *