Enza Ansalone

Mutui prima casa: 10 cose da sapere sulle nuove agevolazioni

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Mutui prima casa 10 cose da sapere

Mutui prima casa 10 cose da sapere

Mutui prima casa, con il decreto interministeriale del 31 luglio 2014 è stato creato un nuovo Fondo di garanzia per la casa che consentirà di ottenere nuove agevolazioni per l’acquisto della prima casa.

Per rendervi più facile il reperimento di info sull’argomento di grande attualità, vi abbiamo elencato 10 punti chiave che vanno dalla percentuale dell’agevolazione, ai tempi e modi di presentazione della domanta e di soggetti che possono accedere alle nuove garanzie che riguardano l’acquisto della prima casa.

  1. Il fondo di garanzia è volto a concedere agevolazioni nella misura massima del 50% della quota capitale di mutui ipotecari, di ammontare non superiore a 250 mila euro;
  2. il fondo giovani coppie non esiste più, il nuovo fondo che prevede garanzie più ampie lo sostituisce;
  3. le agevolazioni coprono l‘acquisto, la ristrutturazione o accrescimento dell’efficienza energetica di immobili non di lusso da adibire ad abituazioni principali del mutuatario;
  4. condizione necessaria per poter far richiesta delle nuove garanzie è che alla data di presentazione della domanda di mutuo non si sia proprietari di altri immobili ad uso abitativo ad eccezione di quelli acquisiti per successione ereditaria, anche in comunione con altri successori;
  5. le categorie di soggetti che possono accedere, vanno dalle giovani coppie (in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni),  ai nuclei familiari monogenitoriali con figli minori, ai giovani di età inferiore ai trentacinque anni titolari di un rapporto di lavoro atipico, conduttori di alloggi di proprietà degli IACP, comunque denominati., per essi è previsto un tasso calmierato (tasso effettivo globale – Teg non superiore al tasso effettivo globale medio – Tegm, pubblicato trimestralmente dal Mef);
  6. banche/intermediari finanziari hanno trenta giorni lavorativi, dal momento della loro adesione all’iniziativa, per erogare il servizio ai cittadini, a patto che la Consap, società del MEF gestore del Fondo, abbia predisposto da almeno 30 giorni lavorativi il manuale d’uso per l’accesso delle stesse banche all’infrastruttura telematica;
  7. la domanda potrà essere presentata dall’interessato direttamente alla banca, o intermediario finanziario a cui ci si rivolge per il mutuo;
  8. il modello sarà sarà disponibile sul sito del Dipartimento del Tesoro , sul sito della Consap e sui siti di tutte le banche/intermediari finanziari aderenti;
  9. gli elenchi delle banche aderenti al Protocollo presso le quali sarà possibile richiedere le garanzie statali saranno disponibili sul sito della Consap SpA, oltre che sul sito dell’Abi;
  10. il fondo prevede una dotazione finanziaria di circa 650 milioni di euro che potranno attivare circa 20 miliardi di euro di nuovi finanziamenti.

La finalità del Fondo non è solo quella di rendere più accessibile l’acquisto della prima casa, ma anche di rilanciare il settore immobiliare, in cui la domanda come più volte analizzato continua a diminuire.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *