Enza Ansalone

Crisi: continuano ad aumentare i fallimenti

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Crisi economica

Crisi economica

Crisi economica che emerge dai dati dell’anagrafe delle imprese. Sa da un lato cresce il numero delle nuove imprese nate, dall’altro aumentano inesorabilmente i fallimenti.

Nel terzo trimestre del 2014 l’anagrafe delle imprese chiude con un +0,3% per un totale di 16.451 unità. Quasi 4.000 unità in più rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Tuttavia il tasso di crescita è il più basso dal 2005 e continuano a crescere i fallimenti a quota 10.000 nei primi 9 mesi dell’anno, segnando un +19% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Secondo Unionecamere il settore più vessato è l’artigiano che per il terzo trimestre consecutivo registra un dato negato nel rapporto tra chiusure e aperture, dovuto in particolare alla riduzione delle iscrizioni (record negativo del decennio e oltre 1.000 unità in meno rispetto a quelle, già modeste, registrate nello stesso periodo del 2013).

I modesti risultati del terzo trimestre 2014 – positivi peraltro come nei terzi trimestri di ogni anno – sono spiegati dal volume delle nuove iscrizioni che, con 72.833 unità (circa 792 nuove imprese al giorno, sabato e domenica inclusi), ha conosciuto il risultato peggiore degli ultimi dieci anni.

Anche in questo trimestre si è verificato un aumento delle società di capitali che da sole realizzano il 71,33% del saldo complessivo e hanno fatto registrare un tasso di crescita (0,80%) di circa tre volte più alto del tasso di crescita nazionale (0,27%).

Crescono poco le imprese individuali che rappresentano il 54%. Le società di persone, da tempo in netta flessione, presentano l’unico dato negativo, pari a -523 unità nel trimestre.

Per quanto riguarda le imprese artigiane, se si esclude un andamento positivo per quelle che adottano la forma delle società di capitali – che comunque rappresentano ancora solo il 4,7% del totale del comparto -, tutte le altre forme giuridiche mettono in luce saldi negativi.

Tra le regioni, il risultato più positivo in termini assoluti è quello del Lazio (+3.330 imprese in più tra luglio e settembre), seguito dalla Lombardia (3.184) e dalla Campania (+2.084). In termini relativi il quadro non cambia aspetto e la più «prolifica» regione risulta sempre il Lazio (+0,53%) seguita questa volta da un terzetto ravvicinato composto da Campania (+0,37%), Trentino Alto Adige (+0,36) e Lombardia (+0,34).

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *