Gabriella Cavaliere

Cancro al cervello / un aiuto dalle cellule staminali modificate

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Cellule staminali

Cellule staminali

Finalmente una terapia volta a contrastare il cancro che colpisce il cervello grazie all’utilizzo di cellule staminali modificate. La scoperta è giunta dal Harvard Medical School dove una sperimentazione ha visto un alterazione genetica delle cellule staminali rendendo quest’ultime in grado di produrre una tossina capace di annientare le cellule tumorali del cervello senza intaccare quelle sane.

Nello specifico la sperimentazione avvenuta sui topi  ha visto l’inserimento attraverso un gel delle staminali modificate direttamente all’interno del tumore celebrale, le conseguenze sono state sorprendenti nel giro di poco le cellule neoplastiche sono morte a causa dell’attacco della tossina prodotta dalle staminali alterate.

Il dottor Khalid Shah, uno dei responsabili della ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells ha commentato i  risultati conseguiti:

“Le tossine che uccidono il cancro sono state usate con grande successo per la lotta contro vari tumori del sangue, ma non funzionano bene contro i tumori solidi perchè il cancro non è ben accessibile e le tossine hanno vita breve. Ma con l’uso delle staminali il quadro cambia. Ora abbiamo creato delle cellule staminali resistenti alle tossine che possono produrre e diffondere medicine anticancro”.

I prossimi studi del dottor Il dott. Shah  vedranno la sperimentazione di questa nuova metodologia sui topi colpiti da glioblastoma, uno dei tumori celebrali più diffusi dopo di chè se conseguirà  risultati positivi testerà la nuova terapia sugli uomini.

Il  prof. Chris Mason dello University College di Londra dal canto suo sostiene:

“questo studio segna l’inizio di una nuova generazione di terapie. Mostra che si possono attaccare i tumori solidi inserendo nel corpo del paziente cellule che instillano la carica tossica direttamente nel tumore”.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *