Enza Ansalone

Robin Williams / morto impiccato, aveva problemi economici

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Robin Williams

Robin Williams

Robin Williams ecco i primi risultati delle indagini ancora in corso, che rendono sempre più sconcertante e difficile da accettare la sua morte. Prende sostanza l’ipotesi del suicidio che sarebbe avvenuto per impiccagione.

L’attore è stato trovato nella sua stanza da letto, a Tiburon a San Fancisco in California, era in posizione seduta leggermente sospeso da terra, si è impiccato con una cintura, aveva delle ferite da taglio sui polsi e vicino al suo corpo c’era un coltellino.

A fare la macabra scoperta del corpo ormai privo di vita di Robin Williams, è stata la sua assistente personale, che ha dato l’allarme intorno alla mezzanotte tra l’11 e il 12 agosto. Purtroppo all’arrivo dei soccorsi non c’era più niente da fare, i medici hanno solo potuto constatare il decesso.

Sono in fase di lavorazione i test tossicologici, i risultati si potranno avere tra qualche settimana, Robin aveva preso le medice per la depressione anche prima del suicidio.

Ed è la portavoce di Robin Williams a sottolineare la grave forma di depressione che aveva colto l’attore premio Oscar negli ultimi mesi, costringendolo a rinchiudersi in un centro di riabilitazione. A ciò si aggiunge la dipendenza dall’alcol che negli ultimi anni non gli lasciava scampo.

E poi si cono i problemi economici. Robin Williams aveva paura di non riuscire a mantenere le sue famiglie, aveva divorziato due volte, ed era attualmente sposato con Susan Schneider. A causa delle difficoltà economiche aveva scelto di interpretare ruoli che non avrebbe mai accettato. Così è stato per la serie tv The Crazy Ones che poi è stata cancellata, segnando ancor più l’animo già trafitto dell’attore.

Oggi tutti sottolineano i problemi economici dell’attore come possibile causa del suicidio di una grande maestro del cinema, che con i suoi personaggi ha educato e cresciuto intere generazioni di ragazzi ormai adulti. La verità è che non sapremo mai cosa passava per la mente geniale di un artista come Robin Williams, tutte le ipotesi di questo mondo non potranno mai colmare il vuoto lasciato.

La cosa migliore è guardare i suoi film, attraverso la sua arte Robin Williams resterà in qualche modo immortale. A questo proposito segnaliamo alcune opere postume in fase di uscita quali Il segreto della tomba, terzo capitolo della serie Notte al Museo dove recita la parte di Teddy Roosevelt, e Merry Friggin’ Christmas, una commedia indipendente.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *