Redazione

CasaeMutui.net parla di Mercato Immobiliare con Idealista.it

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Continua l’indagine di CasaeMutui.net sullo stato di salute del mercato immobiliare italiano, intervistando i protagonisti della ricerca immobili on-line.
Questa settimana la redazione di CasaeMutui.net ha incontrato per i propri lettori il Dott. Vincenzo de Tommaso, responsabile ufficio studi di idealista.it


 

Salve Dott. de Tommaso, prima di parlare di Mercato Immobiliare, ci dica chi è oggi Idealista.it

Idealista è l’azienda che vuol porre fine all’ansia e alla frustrazione di chi cerca casa. L’esperienza vincente di un gruppo internazionale, leader dei servizi web rivolti al settore immobiliare, dal 2007 anche in italia. Il sito vanta l’offerta più qualificata e aggiornata di annunci immobiliari del web italiano, con oltre 300.000 case in vendita e in affitto, negozi e uffici, immobili industrali, stanze e, non ultimo, affitti di case vacanze, grazie alla recente acquisizione di rentalia.
Oltre ad essere tra i portali più visitati della categoria, idealista è già leader per la qualità dei contenuti e dei suoi servizi avanzati per chi cerca/offre casa: la chiave vincente del nostro brand è aver saputo imporre la propria idea del mercato basata sui concetti di chiarezza e trasparenza accreditandoci come il portale di fiducia per chi cerca casa.

Riteniamo sia questa oggi la maggiore garanzia di successo per chi vende/affitta casa, in uno scenario in cui la fiducia è fondamentale.
A febbraio 2010 idealista.it è stato votato fonte più attendibile per stimare il valore della casa dai lettori che hanno risposto a un sondaggio promosso da il sole 24 ore. In continua crescita, con 3 milioni di utenti unici toccati a settembre 2011 (fonte: google analytics) idealista.it è il portale immobiliare che cresce di più.
La nostra azienda scommette su una costante innovazione: quello che vedi oggi su idealista, lo vedrai domani nel resto dei portali, come le visite virtuali, i video, l’informazione creditizia, il mondo mobile e anche i social networks. gli ingegneri di idealista.it hanno sviluppato applicazioni sia per il mondo apple (iphone e ipad) che per il mondo android e seprimentano continuamente nuove strade per rendere sempre accessibile la consultazione.

 

 

Cosa è cambiato nel mercato immobiliare degli ultimi anni e come è cambiato il comportamento dei vostri utenti?

 

Da un mercato di acquirenti, si è passato a un mercato di venditori colti peraltro piuttosto impreparati dalla crisi intervenuta in un contesto di prezzi disallineati, mutui difficili e un’offerta non sempre qualificata.

Di fatto il mercato è tornato di colpo indietro di venti anni, con un numero di compravendite ai livelli del ’92 (saranno circa 450mila quest’anno), -25% nel 2012.

Ciononostante l’interesse degli italiani per la casa non si è spento, come testimoniano i 3 milioni di utenti che ogni mese cercano casa attravero il nostro motore, ma tra gli utenti prevale la cautela perchè l’orizzonte è ancora incerto.

L’altra grande novità di questi ultimi anni è stata senz’altro il web che ha rivoluzionato il mercato immobiliare nel senso che ha reso l’informazione più trasparente e accessibile a tutti, cambiando profondamente le abitudini di un consumatore nel frattempo divenuto più esigente, pragmatico e negoziatore

 

 

Quali sono le previsioni di idealista.it per il prossimo biennio?

 


Dopo le crisi continue di questi anni ci aspettano una lunga fase di transizione, anche se lo scenario internazionale è più tranquillizzante rispetto a un anno fa. Dopo aver toccato il fondo i prezzi nel mercato immobiliare negli usa e in gran bretagna hanno ripreso lentamente a risalire dalla seconda parte di quest’anno mentre, tornando al nostro paese, il calo delle quotazioni c’è stato solo in parte, per cui anche per i prossimo anno ci attendiamo ancora una fase “normalizzazione” dei prezzi.


Nel corso de 2012 l’accento degli operatori si è spostato dai prezzi alla mancata erogazione dei mutui da parte degli istituti di credito, ma questo secondo noi non è l’unico problema. Infatti, se per il momento le quotazioni si mantengono alte-stabili e la domanda di mutui è in picchiata, anche per la paura delle famiglie di dover sostenere un debito a lungo termine, il problema del rapporto rata/reddito è più che mai attuale e rende l’acquisto dell’abitazione insostenibile. in sostanza bisogna fare i conti oltre che con la manzanza di soldi, anche con la sfiducia da parte dei consumatori e questo rende più problematico il ritorno a un ciclo virtuoso.

 

 

Che consigli date a chi compra e vende casa? che atteggiamento usare?

 

A chi compra diciamo di stare attenti a ciò che comprano e non inseguire solo gli sconti. Farsi i conti in tasca è cosa necessaria, ma non sufficiente; bisogna anche considerare la qualità del prodotto e le condizioni di vivibilità dell’immobile, per questo consigliamo di visitare più case per più di una volta, a ore diverse, per rendersi conto della luminosità dei locali e del rumore proveniente dall’esterno, specialmente nelle ore di punta; inoltre conta l’affidabilità del venditore, per esempio verificare che non ci siano iscrizioni ipotecarie o vincoli pendenti sull’immobile che stiamo per acquistare o, nel caso si stia acquistando un immobile nuovo, verificare che il costruttore abbia ottenuto la concessione edilizia.

Al venditore diciamo di stare con i piedi per terra stabilendo un prezzo realistico sin da subito per il proprio immobile e usare idealista.it per promuoverlo, dal momento che la maggior parte del mercato immobiliare passa dagli strumenti web.

A fronte in una offerta che supera di gran lunga la domanda i potenziali acquirenti cercano la qualità al giusto prezzo dunque è sempre più importante far risaltare le caratteristiche del proprio annuncio curando le descrizioni e gli elementi visivi (mappe e planimetrie interattive, video, visite virtuali, e molte foto).

L’impatto delle immagini assume rilevanza sempre maggiore per chi cerca casa sul web, mentre al contrario, un annuncio che ne è sprovvisto rischia di non essere visto e rimanere invenduto a lungo.
Ci permettiamo di consigliare ai vostri lettori un breve tutorial che spiega in maniera semplice anche a chi non è un fotografo di professione come scattare foto e realizzare video che catturano

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *